PRINCIPALI AGEVOLAZIONI E INCENTIVI NEL RAPPOSTO DI LAVORO SUBORDINATO

CIRCOLARE  5 aprile 2016

 

Di seguito una sintesi delle principali agevolazioni e incentivi nel rapporto di lavoro subordinato.

 

 

PRINCIPI GENERALI PER LA FRUIZIONE DEGLI INCENTIVI

Il D.lgs. n. 150/2015, riprendendo ed integrando quanto già definito dalla Riforma Fornero (L. n.92 del 28 giugno 2012), elenca all’art. 31 i principi generali di fruizione degli incentivi. Il legislatore, con queste norme, ci fornisce da un lato indicazioni sul corretto uso degli incentivi e dall’altro un quadro generale di riferimento a cui uniformare le diverse tipologie di incentivo all’assunzione.

Gli incentivi non spettano se l'assunzione costituisce attuazione di un obbligo preesistente, stabilito da norme di legge o della contrattazione collettiva (anche nel caso in cui il lavoratore avente diritto all'assunzione viene utilizzato mediante contratto di somministrazione).

Gli incentivi non spettano se l'assunzione viola il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine (anche nel caso in cui, prima dell'utilizzo di un lavoratore mediante contratto di somministrazione, l'utilizzatore non abbia preventivamente offerto la riassunzione al lavoratore titolare di un diritto di precedenza per essere stato precedentemente licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine).

Gli incentivi non spettano se Il datore di lavoro o l'utilizzatore con contratto di somministrazione hanno in atto sospensionidal lavoro connesse ad una crisi o riorganizzazione aziendale (salvi i casi in cui l'assunzione, la trasformazione o la somministrazione siano finalizzate all'assunzione di lavoratori inquadrati ad un livello diverso da quello posseduto dai lavoratori sospesi o da impiegare in diverse unità produttive).

Gli incentivi non spettano se il datore di lavoro che assume, o utilizza in somministrazione, presenta assetti proprietarisostanzialmente coincidenti con quelli del datore di lavoro che ha licenziato il lavoratore nei 6 mesi precedenti (ovvero risulta con quest'ultimo in rapporto di collegamento o controllo).

Con riferimento al contratto di somministrazione i benefici economici legati all'assunzione o alla trasformazione di un contratto di lavoro di somministrazione sono trasferiti in capo all'utilizzatore (anche nel caso in cui l’incentivo sia soggetto al regime de minimis, il beneficio viene computato in capo all'utilizzatore)

Nel caso in cui le norme incentivanti richiedano un incremento occupazionale netto il calcolo si effettua mensilmente, confrontando il numero di lavoratori dipendenti a tempo pieno del mese di riferimento con quello medio dei dodici mesi precedenti (dal computo della base occupazionale media di riferimento sono esclusi i lavoratori che nel periodo di riferimento abbiano abbandonato il posto di lavoro a causa di dimissioni volontarie, invalidità', pensionamento per raggiunti limiti d'età, riduzione volontaria dell'orario di lavoro o licenziamento per giusta causa).

Ai fini della determinazione e durata degli incentivi si cumulano i periodi in cui il lavoratore ha prestato l’attività in favore dello stesso soggetto (subordinato o somministrato); non si cumulano le prestazioni in somministrazione effettuate dallo stesso lavoratore nei confronti di diversi utilizzatori, tranne che tra gli utilizzatori ricorrano assetti proprietari sostanzialmente coincidenti ovvero intercorrano rapporti di collegamento o controllo.

L'inoltro tardivo delle comunicazioni telematiche obbligatorie (sia per l'instaurazione e la modifica di un rapporto di lavoro o di somministrazione) producono la perdita di quella parte dell'incentivo relativa al periodo compreso tra la decorrenza del rapporto agevolato e la data della tardiva comunicazione.

 

 

 

CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO

Legge di Stabilità 2016

Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato con decorrenza nel corso del 2016

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Tutti i lavoratori privi di occupazione a tempo indeterminato da almeno 6 mesi presso qualsiasi datore di lavoro.  Sono esclusi lavoratori per i quali sia già stato usufruito dell’esonero.

Per il settore agricolo sono previste agevolazioni per le assunzioni di impiegati e dirigenti, e per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato di lavoratori a partire dal 1° gennaio 2016 (con esclusione di quei lavoratori che nel 2015 siano risultati occupati a tempo indeterminato o abbiano svolto un numero di giornate non inferiore a 250).

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro privati (anche studi professionali) – esclusi i contratti di apprendistato e di lavoro domestico - a prescindere dalla circostanza che assumano o meno la natura di imprenditori. Possono beneficiare dell’incentivo anche gli Enti pubblici economici.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

L’agevolazione spetta per i nuovi contratti a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione, sottoscritti tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2016.  È’ possibile usufruire dell’incentivo anche in caso di trasformazione del contratto da tempo determinato (o da precedente contratto a lavoro intermittente) a tempo indeterminato. Lo sgravio è riconosciuto anche per l’assunzione di giornalisti iscritti all’INPGI e di pensionati. L’esonero inoltre: - non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente (es.: agevolazioni per l’assunzione di lavoratori e lavoratrici over 50 di cui all’art. 4, commi 8 e seguenti, della L. n. 92/2012); - è cumulabile con gli altri incentivi di natura economica, tra i quali: l’incentivo per l’assunzione di lavoratori disabili; dei giovani genitori; quello per l’assunzione di beneficiari del trattamento NASPI; l’incentivo inerente il programma “Garanzia Giovani”; Bonus Giovani per la quota non coperta; incentivo per l’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità. Per accedere all’agevolazione occorre che - l’azienda sia in possesso del documento di regolarità contributiva (DURC); - l’assunzione non sia attuazione di un obbligo preesistente; - l’assunzione non violi il diritto di precedenza;  - l’assunzione non sia effettuata in aziende con in atto sospensioni per riorganizzazione (no per professionalità diverse) o licenziamenti nei 6 mesi precedenti (stesso datore o azienda con assetti proprietari coincidenti). L’agevolazione viene corrisposta attraverso la riduzione dei versamenti contributivi.

 

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Esonero biennale (24 mesi) dal pagamento del 40% contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un importo massimo di 3.250,00 euro annui.  Sono esclusi dall’esonero i premi e i contributi dovuti all’INAIL.

AMBITO TERRITORIALE

Valido in tutto il territorio nazionale

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Il contributo, anche se rappresenta una misura che comunque abbassa il costo del lavoro, si caratterizza come intervento generalizzato. Non determina quindi vantaggi a favore di determinate imprese (settore economico) o di specifiche aree del territorio nazionale. Si ritiene pertanto che non sia inquadrabile tra quelle disciplinate dall’art. 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (aiuti concesso dallo Stato ovvero mediante risorse statali).

 

GIOVANI SUPER BONUS POST TIROCINIO – Programma Garanzia Giovani 

Super bonus trasformazione tirocini

Incentivi per l’assunzione di giovani tirocinanti nell’ambito del “Programma Operativo Nazionale per l’attuazione dell’Iniziativa Europea per l’Occupazione dei Giovani” – Programma Garanzia Giovani

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Giovani tra 15 e 29 anni che si registrano al Programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani (www.garanziagiovani.gov.it) che abbiano svolto o stiano svolgendo un tirocinio extracurriculare finanziato nell’ambito del Programma purché avviato entro il 31 gennaio 2016.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro privati.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

L’incentivo spetta per le assunzioni a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione, fatte dal 01/03/2016 al 31/12/2016. Condizioni:   che il tirocinio curriculare o extra-curriculare oggetto della trasformazione di rapporto di lavoro a tempo indeterminato sia finanziato con le risorse del Programma Garanzia Giovani;  che il giovane sia in possesso del requisito NEET. L’incentivo è cumulabile con altri incentivi all’assunzione di natura economica o contributivi purché non selettivi e nei limiti del 50% dei costi salariali. L’incentivo è fruibile in 12 quote mensili; in caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro, l’incentivo è proporzionato alla durata effettiva dello stesso.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Il valore dell’incentivo varia in funzione della profilazione* del giovane secondo quanto segue:

Rapporto di lavoro Profilazione bassa Profilazione media Profilazione alta Profilazione molto alta
Tempo indeterminato anche somministrazione 3.000 euro 6.000 euro 9.000 euro 12.000 euro

 

 

* Indica la distanza dal mercato del lavoro del giovane: tanto più è alta tanto maggiore sarà la difficoltà di inserire il giovane nel mercato del lavoro e tanto maggiore sarà il bonus per il datore di lavoro che decide di assumerlo.

AMBITO TERRITORIALE

Valido in tutto il territorio nazionale.

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Gli incentivi possono essere fruiti oltre il limite del regime de minimis di cui al Regolamento (UE) n. 1407/2013 nel caso di incremento occupazionale netto, per i giovani in età compresa tra 16 e 24 anni. Per i giovani in età compresa tra 25 e 29 anni, oltre l’incremento occupazionale netto occorre che non abbiano avuto un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, non siano in possesso di un diploma di scuola media secondaria o qualifica o diploma professionale e che siano occupati in settori o in professioni caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera il 25% (D.D. n. 385/2015).

GIOVANI BONUS ASSUNZIONE- Programma Garanzia Giovani

Incentivi per l’assunzione di giovani ammessi al “Programma Operativo Nazionale per l’attuazione dell’Iniziativa Europea per l’Occupazione dei Giovani” – Programma Garanzia Giovani

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Giovani tra 15 e 29 anni che si registrano al Programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani (www.garanziagiovani.gov.it).

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro privati.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

L’incentivo spetta per le assunzioni fatte a partire dal 01/05/2014:

- a tempo determinato, di durata pari o superiore a 6 mesi, anche a scopo di somministrazione; se inferiore a 12 mesi l’incentivo viene ridotto proporzionalmente. In caso di proroga, fino ad almeno 12 mesi, si ha diritto all’ulteriore beneficio;

- a tempo determinato, di durata pari o superiore a 12 mesi, anche a scopo di somministrazione;

- a tempo indeterminato. L’incentivo è cumulabile con altre forme di agevolazioni. Nello specifico per le assunzioni fatte a partire dal 1° maggio 2014.

L’incentivo è subordinato:

- all’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro;

- al rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti; - all’applicazione dei principi stabiliti per gli incentivi (D.lgs. n. 150/2015).

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

L’importo dipende dalla profilazione* del giovane e dalla tipologia di contratto:

 

 

 

In caso di rapporto a tempo parziale (almeno il 60%) gli importi sopra indicati sono proporzionalmente ridotti.

 

* Indica la distanza dal mercato del lavoro del giovane: tanto più è alta tanto maggiore sarà la difficoltà di inserire il giovane nel mercato del lavoro e tanto maggiore sarà il bonus per il datore di lavoro che decide di assumerlo.

AMBITO TERRITORIALE

Valido in tutto il territorio nazionale.

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Gli incentivi possono essere fruiti oltre il limite del Regime de minimis di cui al Regolamento (UE) n. 1407/2013 nel caso di incremento occupazionale netto, per i giovani in età compresa tra 16 e 24 anni. Per i giovani in età compresa tra 25 e 29 anni, oltre l’incremento occupazionale netto occorre che non abbiano avuto un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, non siano in possesso di un diploma di scuola media secondaria o qualifica o diploma professionale e che siano occupati in settori o in professioni caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera il 25% (D.D. n. 385/2015).

 

Contratto di Apprendistato 

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Possono essere assunti con contratto di apprendistato giovani di età compresa tra 15 e 29 anni (fino al giorno precedente al compimento dei 30 anni di età). Per l’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore l’età massima si riduce a 25 anni (fino al giorno precedente al compimento dei 26 anni di età)

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro di imprese private appartenenti a tutti i settori di attività.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

Benefici contributivi

La contribuzione per gli apprendisti è pari al 10%.

Per le aziende fino a 9 dipendenti viene riconosciuto uno sgravio contributivo del 100% per i primi 3 anni di contratto. Per gli anni successivi al terzo la contribuzione è pari al 10%. In caso di trasformazione del rapporto di lavoro al termine del periodo di apprendistato, l’agevolazione contributiva del 10% viene riconosciuta per i 12 mesi successivi.

Benefici economici Possibilità di inquadrare il lavoratore fino a due livelli inferiori rispetto a quello spettante in applicazione del contratto collettivo nazionale di lavoro ai lavoratori addetti a mansioni che richiedono qualificazioni corrispondenti a quelle al cui conseguimento è finalizzato il contratto, o, in alternativa, di stabilire la retribuzione dell'apprendista in misura percentuale e proporzionata all'anzianità' di servizio.

Benefici fiscali

Per i contratti sottoscritti a partire dal 1° gennaio 2015, l’intero costo sostenuto dal datore di lavoro diventa deducibile dalla base imponibile IRAP.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

L’importo varia a seconda della tipologia dell’azienda (+/- 9 dip.) e della durata del periodo formativo.

 

DONNE

Incentivi per l’assunzione con contratto a termine o a tempo indeterminato di donne prive di impiego da almeno 24 mesi.

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Donne di qualsiasi età, ovunque residenti, e “prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi”.

Il termine si abbassa a 6 mesi se: - residenti in aree svantaggiate;  - impiegate in una professione o in un settore economico caratterizzati da una accentuata disparità occupazionale di genere.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro privati.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

Le agevolazioni consistono in benefici contributivi a seguito sottoscrizione di: - Contratto di lavoro a tempo determinato, anche in somministrazione. - Contratto di lavoro a tempo indeterminato. - Trasformazioni a tempo indeterminato di un precedente rapporto agevolato.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Benefici contributivi - per le assunzioni a tempo determinato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per la durata di 12 mesi; - per le assunzioni a tempo indeterminato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per la durata di 18 mesi. In caso di trasformazione del contratto a termine in contratto a tempo indeterminato, la riduzione dei contributi si prolunga fino al 18° mese dalla data di assunzione.

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Non soggetto alla regola del de minimis in quanto rientrante tra gli aiuti per l’assunzione di lavoratori svantaggiati, ai sensi dei regolamenti comunitari in vigore.

 

LAVORATORI OVER ’50

Incentivi per l’assunzione di lavoratori over ’50 disoccupati da oltre 12 mesi

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Lavoratori di età pari o superiore a 50 anni disoccupati da oltre 12 mesi.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro privati.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

Le agevolazioni consistono in benefici contributivi a seguito sottoscrizione di:

- Contratto di lavoro a tempo determinato, anche in somministrazione.

- Contratto di lavoro a tempo indeterminato.

- Trasformazioni a tempo indeterminato di un precedente rapporto agevolato.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Benefici contributivi

- per le assunzioni a tempo determinato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per la durata di 12 mesi;

- per le assunzioni a tempo indeterminato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per la durata di 18 mesi.

In caso di trasformazione del contratto a termine in contratto a tempo indeterminato, la riduzione dei contributi si prolunga fino al 18° mese dalla data di assunzione.

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Non soggetto alla regola del de minimis in quanto rientrante tra gli aiuti per l’assunzione di lavoratori svantaggiati, ai sensi dei regolamenti comunitari in vigore.

 

LAVORATORI IN CIGS

Contratto a tempo pieno e indeterminato

Incentivi per l’assunzione di lavoratori in CIGS da almeno 3 mesi e di dipendenti di aziende beneficiarie di CIGS da almeno 6 mesi

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Lavoratori che abbiano fruito della CIGS per almeno 3 mesi, anche non continuativi, dipendenti di aziende beneficiarie di CIGS da almeno 6 mesi.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro, comprese le società cooperative che assumono soci lavoratori con rapporto di subordinazione.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

L’agevolazione viene concessa a seguiti assunzione a tempo pieno e indeterminato, sotto forma di riduzione contributiva.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Benefici contributivi

Contribuzione a carico del datore di lavoro pari a quella prevista in via ordinaria per gli apprendisti (10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali) per 12 mesi. Dall’agevolazione è esclusa la quota a carico del lavoratore che è dovuta per intero come per la generalità dei dipendenti. Benefici economici

Contributo mensile pari al 50% dell’indennità di mobilità che sarebbe spettata al lavoratore per un periodo pari a: - 9 mesi per lavoratori fino a 50 anni; - 21 mesi per i lavoratori con più di 50 anni; - 33 mesi per i lavoratori con più di 50 anni e residenti nel Mezzogiorno e nelle aree ad alto tasso di disoccupazione.

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Non soggetto alla regola del de minimis in quanto rientrante tra gli aiuti per l’assunzione di lavoratori svantaggiati, ai sensi dei regolamenti comunitari in vigore.

 

LAVORATORI IN MOBILITÀ

Contratto a tempo indeterminato anche part time Incentivi per l’assunzione a tempo indeterminato di lavoratori in mobilità indennizzata

N.B.: La L. n. 92/2012 (c.d. Legge Fornero) ha previsto l’abrogazione della mobilità e dei relativi incentivi a partire dal 1° gennaio 2017. Gli incentivi di cui sotto sono pertanto applicabili fino al 31.12.2016.

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Lavoratori iscritti nelle liste di mobilità indennizzata.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro, comprese le società cooperative che assumono soci lavoratori con rapporto di subordinazione.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

L’agevolazione viene concessa a seguito di assunzione a tempo indeterminato (anche part-time), sotto forma di riduzione contributiva e beneficio economico.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Benefici contributivi

Contribuzione a carico del datore di lavoro pari a quella prevista in via ordinaria per gli apprendisti (10%) per la durata di 18 mesi se a tempo indeterminato, 12 se a tempo determinato. Se durante i 12 mesi il contratto viene trasformato a tempo indeterminato, l’agevolazione contributiva spetta fino ad un massimo di 24 mesi (in questo caso l’incentivo spetta a prescindere dal caso in cui il lavoratore abbia maturato un diritto di precedenza all’assunzione a tempo indeterminato). Dall’agevolazione è esclusa la quota a carico del lavoratore che è dovuta per intero come per la generalità dei dipendenti. Benefici economici se l’assunzione è a tempo pieno, al datore di lavoro viene riconosciuto un contributo mensile pari al 50% dell’indennità di mobilità spettante e non goduta dal lavoratore per un numero massimo di mesi pari a 12 (24 mesi se il lavoratore di età superiore a 50 anni ovvero 36 mesi per le aree del Mezzogiorno)

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Non soggetto alla regola del de minimis in quanto rientrante tra gli aiuti per l’assunzione di lavoratori svantaggiati, ai sensi dei regolamenti comunitari in vigore.

 

LAVORATORI IN MOBILITÀ

Contratto di apprendistato professionalizzante

Incentivi a favore dei datori di lavoro per l’assunzione con contratto di apprendistato professionalizzante di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità.

N.B.: il c. 4, art. 47, del D.lgs. n. 81/2015 ha allargato la platea di applicazione del contratto di apprendistato professionalizzante anche ai lavoratori percettori di altri trattamenti di disoccupazione.

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Tutti i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità senza limite massimo di età.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro, comprese le società cooperative che assumono soci lavoratori con rapporto di subordinazione.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

Assunzione con contratto di apprendistato finalizzato alla qualificazione o riqualificazione professionale.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Benefici contributivi

Contribuzione a carico del datore di lavoro pari al 10% per un periodo di 18 mesi.

Benefici economici

L’inquadramento del lavoratore potrà avvenire fino a due livelli inferiori rispetto alla categoria spettante.

Contributo mensile pari al 50% dell’indennità di mobilità (ove spettante) che sarebbe stata corrisposta al lavoratore per un periodo pari a: - 12 mesi per lavoratori fino a 50 anni; - 24 mesi per lavoratori con più di 50 anni; - 36 mesi per lavoratori con più di 50 anni e residenti nel Mezzogiorno. Beneficio normativo

I lavoratori in mobilità così assunti non rientrano nella base di calcolo prevista da leggi o contratti collettivi per l’applicazione di particolari istituti (es. disabili).

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

Non soggetto alla regola del de minimis in quanto rientrante tra gli aiuti per l’assunzione di lavoratori svantaggiati, ai sensi dei regolamenti comunitari in vigore.

 

LAVORATORI IN NASPI

Contratto a tempo pieno e indeterminato

Incentivi a favore dei datori di lavoro per l’assunzione con contratto a tempo pieno e indeterminato di lavoratori che fruiscono della Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Lavoratori in godimento dell’indennità NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego).

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutti i datori di lavoro privati.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

Il contratto di lavoro deve essere a tempo pieno e indeterminato.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Benefici economici Incentivo pari al 20% dell’indennità mensile residua che sarebbe stata corrisposta al lavoratore. L’incentivo non spetta: - per quei lavoratori riassunti dopo il licenziamento che siano nell’arco temporale dei 6 mesi per l’esercizio del diritto di precedenza (art. 15, c. 6, della L. 264/1949);  - qualora l’impresa assumente, pur appartenendo ad altro settore, sia in rapporto di collegamento o controllo con l’impresa che ha operato il recesso, oppure l’assetto proprietario sia sostanzialmente coincidente.

AMBITO TERRITORIALE

Valido in tutto il territorio nazionale.

CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO

La concessione del beneficio è subordinata alla disciplina comunitaria degli aiuti de minimis, ai sensi dei regolamenti comunitari in vigore.

 

PERSONE IN ESECUZIONE DI PENA O DI MISURA DI SICUREZZA DETENTIVA 

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

A) Lavoratori detenuti o internati, anche ammessi al lavoro esterno; B) Lavoratori semiliberi provenienti dalla detenzione o internati semiliberi.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Cooperative sociali, imprese pubbliche e private.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

Contratto di lavoro subordinato, anche a tempo parziale, non inferiore a 30 giorni. Applicazione del CCNL di riferimento. Il credito d’imposta viene riconosciuto anche alle aziende che svolgono formazione (a condizione che al temine della formazione il soggetto venga assunto per un periodo minimo corrispondente al triplo del periodo di formazione) e per attività formative propedeutiche all’impiego professionale in attività lavorative gestite dall’Amministrazione penitenziaria.  L’erogazione degli incentivi è subordinata infine alla stipula di una convenzione tra Impresa e Istituto penitenziario per la selezione dei lavoratori. L’agevolazione è cumulabile con altri benefici, concessi a fronte dei medesimi costi ammissibili, in misura comunque non superiore al costo sostenuto per il lavoratore assunto op per la sua formazione.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Benefici fiscali 

Per i lavoratori di cui alla categoria A): - Credito di imposta per ogni lavoratore assunto nella misura di euro 520,00 mensili per gli anni a decorrere dal 2014.

Per i lavoratori di cui alla categoria B): - Credito di imposta per ogni lavoratore assunto nella misura di euro 300,00 mensili per gli anni a decorrere dal 2014.

Il credito d’imposta spetta anche per i 18 mesi successivi alla fine dello stato detentivo.  Per i lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo parziale il credito d’imposta spetta in misura proporzionale alle ore prestate.

Benefici contributivi

Riduzione del 95% del carico contributivo complessivamente dovuto. I datori di lavoro beneficiano degli incentivi anche nei 18 mesi successivi alla fine dello stato detentivo (o 24 mesi successivi alla cessazione qualora non abbiano beneficiato della semilibertà)

 

GIOVANI GENITORI

CATEGORIE DI LAVORATORI INTERESSATI

Genitori di figli minori o affidatari di minori che, nel rispetto dei requisiti sottoelencati, abbiano effettuato l'iscrizione presso la banca dati INPS loro dedicata. Tali soggetti devono: 1. avere un'età non superiore a 35 anni (fino al giorno precedente il compimento del 36° anno di età); 2. essere genitori di figli minori (almeno uno, a prescindere dall'eventuale presenza di un altro figlio maggiorenne) legittimi, naturali o adottivi, ovvero risultare affidatari di minori; 3. essere titolari di uno dei seguenti rapporti di lavoro: lavoro subordinato a tempo determinato; lavoro in somministrazione; lavoro intermittente; lavoro ripartito; contratto di inserimento; collaborazione a progetto od occasionale; lavoro accessorio; collaborazione coordinata e continuativa ovvero aver cessato uno dei suddetti rapporti e risultare iscritto, durante il periodo di inattività, presso un Centro per l'impiego.

CATEGORIE DI DATORI DI LAVORO INTERESSATI

Tutte le imprese private, le società cooperative, anche per l'assunzione di soci lavoratori e le imprese sociali ex D.lgs. n. 155/2006.

AGEVOLAZIONI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE

L'assunzione deve avvenire con contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche parziale. E' possibile effettuare anche una trasformazione a tempo indeterminato (anche parziale) di un rapporto a termine in corso di svolgimento.

La fruizione dell’incentivo avviene tramite conguaglio del relativo credito nella dichiarazione Uniemens.

Il beneficio è cumulabile con altri incentivi previsti dalle norme vigenti.

IMPORTO E DURATA DELL’INCENTIVO

Il beneficio prevede un bonus del valore di euro 5.000 per ciascuna assunzione o trasformazione effettuata, nel limite massimo di 5 assunzioni/trasformazioni per ogni singola impresa o società cooperativa (quindi per un ammontare massimo di euro 25.000). Il beneficio opererà fino all'esaurimento delle risorse disponibili, stanziate con D.M. Del 19 novembre 2010 per un valore complessivo di 51 milioni di euro

 

FONTE: estratto da italialavoro.it

 

 

Lo studio è a disposizione per ogni chiarimento.

Si ricorda l’indirizzo email specifico della Consulenza del Lavoro: cdl@consulentieassociati.it

 

                                                                                                                                                                                                           

Consulenti Associati

Settore consulenza lavoro

I commenti sono chiusi