AGGIORNAMENTO SICUREZZA E FORMAZIONE

NEWS – Giugno 2014
Prog. 01/2014
www.emasec.com- info@emasec.com – 055.8458133 – Via G.Rossa,3 50032 Borgo San Lorenzo (FI) – Via Del Romito, 3A 50134 Firenze
Gentile cliente siamo felici di informarla che a partire da questo mese saranno emesse, a cadenza mensile delle news “in pillole” che potranno agevolarla e tenerla aggiornata su diversi aspetti della vita lavorativa quali sicurezza, ambiente, formazione, formazione finanziata ecc..
Sperando di farle cosa gradita le inviamo questa prima mail restando a sua disposizione per eventuali chiarimenti e richieste di intervento.
Ing. Simone Spacchini
Amm. Unico Emasec Servizi srl

Sicurezza Sul Lavoro
Carrelli elevatori e circolazione stradale
Un recente decreto generale della motorizzazione (14.01.2014) impartisce disposizioni per la circolazione su strada di carrelli elevatori (spostamenti a carico e a vuoto brevi e saltuari) senza la necessità di immatricolazione.
Fermo restando una serie di regole tecniche è sufficiente un’autorizzazione rilasciata dalla motorizzazione civile competente per il territorio, previo benestare dell’ente proprietario della strada.
Responsabilità per infortunio del datore di lavoro e possibili deleghe
Riguardo al profilo di responsabilità del DL riguardo una recente sentenza riconosce che la delega di funzioni - ora disciplinata precipuamente dall'art. 16 T.U. sulla sicurezza (d. Lgs. 81/2008) - non esclude l'obbligo di vigilanza del datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite, benché tale obbligo di vigilanza riguardi precipuamente la correttezza della complessiva gestione del rischio da parte del delegato medesimo (Cass. pen. Sez. IV, n. 10702 dell'1.2.2012).
Inoltre, il conferimento a terzi di una delega in materia di sicurezza non esonera del tutto il datore di lavoro dall'obbligo di adeguata informazione dei rischi connessi ai lavori in esecuzione (Cass. pen. Sez. IV, n. 44977 del 12.6.2013). In base all'art. 16 del D.Lgs. n. 81/2008 (che ha recepito buona arte degli orientamenti giurisprudenziali di legittimità), la nomina deve risultare da atto scritto avente data certa onde poter verificare l'effettività della nomina e dello svolgimento delle funzioni conferite anteriormente al verificarsi dell'infortunio e deve essere necessariamente riscontrato dall'accettazione manifestata, per iscritto, da parte del delegato che, se interviene in un momento successivo a quello della predisposizione dell'atto di delega, comporta lo spostamento alla data dell'accettazione (che deve quindi essere contestualmente indicata) della validità della delega stessa.
NEWS – Giugno 2014
Prog. 01/2014
www.emasec.com- info@emasec.com – 055.8458133 – Via G.Rossa,3 50032 Borgo San Lorenzo (FI) – Via Del Romito, 3A 50134 Firenze
Antincendio
Pubblicazioni
Pubblicato dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile in collaborazione con il Fei (Fondo europeo per l’integrazione dei Paesi terzi – Ministero Inerni), un manuale in otto lingue riguardante la prevenzione e la normativa antincendio e destinato in primo luogo alla fruizione di persone extracomunitarie, datori di lavoro e lavoratori.
Nuova normativa antincendio
Prosegue la revisione di tutta la normativa antincendio. La parola d’ordine è sempre la stessa semplificazione attendiamo fiduciosi il testo finale.
Ambiente
Nuovo decreto sistri
In merito al SISTRI, si comunica che il decreto del 24 aprile 2014 precisa che sono tenuti ad aderire al SISTEMA SISTRI:
1. gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi da attività agricole ed agroindustriali con più di 10 dipendenti, esclusi, indipendentemente dal numeri dei dipendenti, gli enti e le imprese di cui all'articolo 2135 dei codice civile che conferiscono i propri rifiuti nell'ambito di circuiti organizzati di raccolta, ai sensi dell'articolo 183, comma 1, lettera pp) del Dlgs 152 del 2006;
2. gli enti e le imprese con più di 10 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lettere b), c) d), e), g) ed h), del Codice Ambiente;
3. gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che effettuano atti vitti di stoccaggio di cui all'articolo 183, comma 1, lettera aa), del Codice Ambiente;
4. gli enti e le imprese che effettuano la raccolta, il trasporto, il recupero, lo smaltimento dei rifiuti urbani;
5. gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi da attività di pesca professionale e acquacoltura, di cui al Dlgs. 9 gennaio 2012, n.4, con più di dieci dipendenti, ad esclusione, indipendentemente dal numero dei dipendenti, degli enti e delle imprese iscritti alla sezione speciale "imprese agricole" del Registro delle imprese che conferiscono i propri rifiuti nell'ambito di circuiti organizzati di raccolta, ai sensi dell'articolo 183, comma 1, lettera pp) del Codice Ambiente.
Il decreto conferma INOLTRE gli obblighi relativi alla tenuta dei registri di carico e scarico e del formulario di identificazione di cui agli articoli 190 e 193 del D.lgs. n. 152/2006 per gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che non sono obbligati ad aderire al SISTRI ovvero che non vi aderiscono volontariamente.
Disdetta in caso di adesione pregressa al sistema
Nel caso in cui un’azienda abbia aderito al sistema ma ad oggi con il nuovo decreto sia esonerata o comunque non obbligata all’adesione, si ricorda che è fondamentale procedere con la disdetta del servizio, restituendo anche i dispositivi consegnati dalla Camera di Commercio territorialmente competente.
NEWS – Giugno 2014
Prog. 01/2014
www.emasec.com- info@emasec.com – 055.8458133 – Via G.Rossa,3 50032 Borgo San Lorenzo (FI) – Via Del Romito, 3A 50134 Firenze
Formazione finanziata
Come verificare l’iscrizione ai fondi interprofessionali
Al fine di poter richiedere dei contributi per la formazione (di qualsiasi tipologia) del personale è necessario verificare l’iscrizione della propria impresa ad un fondo interprofessionale. Per far ciò basta contattare il proprio consulente del lavoro e fare verificare l’adesione al fondo attraverso il portale uniemens.
Per ulteriori informazioni sui fondi interprofessionali consultate: http://www.emasec.it/emasec/it/formazione.html
Fondimpresa
Fondimpresa conferma la linea di finanziamento che promuove la formazione dei lavoratori nelle piccole e medie imprese. Con il nuovo Avviso, 3/2014, sono disponibili 10 milioni di euro per contributi aggiuntivi.
Le PMI aderenti potranno usufruirne per i loro progetti di formazione, fino a un massimo di 8.000 euro, e avvalersi, oltre che del regime de minimis, anche del Reg. 800/2008.
Formazione
Aggiornamenti sulla formazione peri i lavoratori, preposti e dirigenti
Riguardo all’aggiornamento della formazione si precisa che non dovranno essere riprodotti argomenti e contenuti già trattati e non è possibile comprendere nell’aggiornamento la formazione relativa a: trasferimento, cambio di mansioni, introduzione di nuove attrezzature di lavoro, introduzione di nuove tecnologie, nuove sostanze e miscele pericolose, evoluzione del rischio o insorgenza di nuovi rischi.
Lavoratori stagionali nel settore agricolo
Per le seguenti tipologie di lavoratori gli adempimenti relativi alla formazione, informazione e addestramento si ritengono assolti con la consegna al lavoratore di documenti certificati ASL che contengano indicazioni idonee a fornire conoscenza per l’identificazione, la riduzione e la gestione dei rischi nonché a trasferire conoscenze e procedure utili all’acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda ed eliminazione dei rischi in ambiente di lavoro.
- Stagionali agricoli con un numero uguale o minore di 50 gg/anno, mansioni che non richiedono specifici requisiti professionali
- Occasionali agricoli: pensionati, giovani studenti - Attività esclusivamente in comuni montani < 1000 abitanti
- Attività agricole con volumi d’affari inferiori o uguali a 20.568€ di cui 2/3 derivati dalla vendita di prodotti
Corsi in programma nel mese di luglio - agosto
I. Corso per addetti alla conduzione di pale caricatrici frontali (10 ore)
II. Corso addetti alle piattaforme di lavoro mobili elevabili con e senza stabilizzatori (10 ore)
III. Corso per rappresentante dei lavoratori (RLS) (32 ore) :
IV. Corso formazione base lavoratori (4 ore)
V. Corso formazione specifica lavoratori (addetti amministrativi) valida per tutti i settori ateco (4 ore)
VI. Corso per addetti al carrello elevatore (12 ore)

I commenti sono chiusi